E’stata chiusa oggi l’offerta pubblica di transazione della Banca Popolare di Vicenza.

Con i soci azzerati l’offerta ha raccolto il 72,6% delle azioni che erano incluse nel perimetro della proposta,

il tutto al netto delle posizioni che sono già oggetto di specifica analisi e dei soci irreperibili.

Il comunicato è stato divulgato dalla stessa banca in una nota dove ha spiegato inoltre di aver chiuso l’esercizio dell’anno 2016 in perdita di 2,1 miliardi di euro dopo aver accumulato 1,6 miliardi di rosso nel corso del 2015.

Sul risultato finale hanno contato molto gli accantonamenti e le rettifiche per 1,93 miliardi di euro.